oggi ho letto: il magico potere del riordino di Marie Kondo

Ci sono romanzi che ti emozionano, ti fanno piangere, ti fanno ridere e ti porterai per sempre nel cuore.
Ma io non ho intenzione di parlare di quelli.

Preferisco lasciare la narrativa alle mie colleghe. Io mi limiterò a recensire libri che hanno un carattere più tecnico, più pratico e che, qualche volta, riescono anche a cambiare la percezione del mondo in cui viviamo.

Oggi voglio parlare di “Il magico potere del riordino” di Marie Kondo.

Avete mai letto quei post su facebook che dicono:
“secondo una ricerca, le persone disordinate sono le più intelligenti”?
Magari avete sentito qualcuno che diceva:
“sono disordinato perchè sono creativo?”?

Ecco, la cattiva notizia è che non è vero.
La buona notizia è che puoi essere intelligente anche se sei ordinato o essere creativo ed avere una stanza pulita.

Questo libro non fa altro che spiegarti come circondarti solo delle cose che ti piacciono e liberarti di ciò che non ami o, come dice lei, non ti rende felice.

Io l’ho divorato in mezza giornata, è piccolo e veloce da leggere.

Marie Kondo ha un modo tutto suo di parlare degli oggetti di casa, li considera vivi e dotati di anima ed emozioni. Sebbene io non abbia un approccio così fiabesco, (ok, nel precedente articolo ho detto che mi piace la Bella e la Bestia ma non esageriamo!) anche se io non parlo con i miei vestiti o con il mio set di lenzuola, capisco quello che intende quando parla di “calzini tristi”.

Per molti versi è un libro divertente, piacevole e davvero coinvolgente, ma sopratutto ti da uno stimolo importante a creare quello che dovrebbe essere il tuo piccolo mondo privato.

Lo consiglio vivamente a chi ha bisogno di buttarsi alle spalle il passato, chi vuole rinnovarsi, a chi ha bisogno di pensare un po’ a sé stesso, perchè ha passato tutta la vita a dedicarsi agli altri.
Se vuoi comprarlo puoi ordinarlo su amazon qui 

Spero che la mia recensione ti sia piaciuta e spero che se ti piacerà anche il libro mi farai sapere con un commento che cosa ne pensi.

Ti ringrazio di avermi letta e ti aspetto al mio prossimo articolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *